Manifesta 12 a Palermo

dav

Manifesta è la biennale nomade europea di arte contemporanea, fondata dall’olandese Hedwig Fijen.
Dopo la settima edizione svolta in Trentino Alto-Adige, la mostra è tornata in Italia e più specificatamente a Palermo.
La città capoluogo della Sicilia è stata scelta per la sua rilevanza riguardo i due temi principali di quest’edizione: la migrazione e le condizioni climatiche.
Con il titolo “Il Giardino Planetario. Coltivare la coesistenza.”, la mostra ha avuto inizio il 15 Giugno e terminerà il 4 Novembre.

Numerosi sono gli eventi collaterali e le iniziative sparse per la città.
Molte installazioni sono realizzate in spazi pubblici per cui non è necessario un biglietto, per visitare invece la mostra vera e propria esistono varie alterative di biglietto.
Per i residenti in Sicilia
– biglietto singolo: 10 euro
– biglietto famiglia: 20 euro ( valido per 2 adulti e massimo 3 minori)
In entrambi i casi il biglietto permette di accedere a tutti i luoghi fino al 4 Novembre.
Per i non residenti
– biglietto per studenti: 10 euro (fino al 4 Novembre)
– biglietto giornaliero: 15 euro
– biglietto per 3 giorni consecutivi: 25 euro
– biglietto famiglia giornaliero: 30 euro (valido per 2 adulti e massimo 3 minori).
È possibile acquistare i biglietti online, al teatro Garibaldi (dal martedì alla domenica dalle ore 10.00 alle ore 20.00) e presso il Centro di Informazione Turistica ‘Cavour’ (dal martedì alla domenica dalle ore 09.00 alle ore 19.00).

dav

Il biglietto consente di accedere nei seguenti luoghi:

PALAZZO FORCELLA DE SETA 

“Il palazzo, concepito originariamente come parte della città, è stato scelto in quanto incarna l’idea di confine e in quanto tale consente di riflettere su problematiche come il controllo delle frontiere e i fenomeni migratori.”

dav
mde

PALAZZO COSTANTINO:

“Il palazzo presenta opere che dialogano con le componenti effimere della vita urbana di Palermo, celebrando i rituali delle processioni religiose e la tradizione cinematografica di Palermo come due componenti essenziali dell’identità multiforme della città.”

dav

PALAZZO BUTERA

Palazzo Butera fa parte della sezione Garden of Flows de Il Giardino Planetario. Coltivare la Coesistenza e ospita le opere di Maria Thereza Alves, Melanie Bonajo, Fallen Fruit, Renato Leotta, Uriel Orlow e Sergey Sapozhnikov.”

dav
dav

ORTO BOTANICO

“L’Orto botanico è stato scelto in quanto luogo creato per promuovere la circolazione, lo scambio e la miscelazione di semi e piante. Adoperando il giardino come metafora, Manifesta 12 esplora nuove forme di vita politica basate su quelle che in botanica viene definita “impollinazione incrociata” e che prevede la formazione di nuove strutture e organismi a partire dalla coesistenza di ciò che è diverso.”

dav
dav

PALAZZO AJUTAMICRISTO

“Palazzo Ajutamicristo è parte della sezione Out Of Control Room de Il Giardino Planetario. Coltivare la Coesistenza e ospita le opere di James Bridle, Tania Bruguera, John Gerrard, Filippo Minelli, Lydia Ourahmane, Trevor Paglen, Peng! Collective, Rayyane Tabet, and Richard Vijgen.”

dav
dav

CHIESA DEI SANTI EUNO E GIULIANO

“La Chiesa dei SS. Euno e Giuliano fa parte della sezione City on Stage de Il Giardino Planetario. Coltivare la Coesistenza e accoglie la mostra descrittiva del processo partecipativo e preparatorio alla processione di Marinella Senatore del 16 giugno (Palermo Procession, 2018).”

Recommended Posts
Showing 2 comments
  • Katja
    Reply

    Ma lo sai che mi sto mangiando ancora le mani per non aver visto Manifesta quando ha toccato il Trentino Alto Adige? Io sono di Trento e ogni volta dicevo: si dai, vado domani! Ma rimandavo sempre … un’occasione persa.

    A leggere il tuo racconto e a vedere le foto, credo che mi perderei (senza più uscire) dall’Orto Botanico e da Palazzo Butera (ma vuoi mettere le pareti un pò tanto kitsch con gli antichi soffitti??).

    • Simona Lo Nero
      Reply

      Che peccato! Magari non fai più in tempo per Manifesta, ma ti consiglio assolutamente di visitare l’Orto Botanico, i palazzi e il resto di Palermo (giuro che non sono di parte!)

Leave a Comment