Itinerario per una settimana in Puglia

Se c’è qualcosa che credo metta d’accordo tutti gli abitanti dello stivale è che la Puglia sia una delle destinazioni più belle della nostra penisola.

Chi c’è stato ha potuto vivere in prima persona la magia di una regione caratterizzata da scenari mozzafiato e antiche tradizioni.
Chi non l’ha mai visitata sarà di certo stato catturato dalle immagini delle distese di trulli o delle acque cristalline. Sognando di raggiungerle, prima o poi.

Della prima volta in cui sono andata in Puglia ho solo vaghi ricordi, quindi sono tornata quest’anno per esplorarla con maggiore consapevolezza, ma sperò già di ritornarci presto.
Un viaggio nel tacco d’Italia vale sempre la pena.

Via delle orecchiette a Bari

Quanti giorni trascorrere in Puglia

Suggerisco di trascorrere in Puglia almeno una settimana o comunque sei giorni pieni, escludendo i giorni di viaggio di andata e ritorno.

Itinerario: una settimana in Puglia

Itinerario per una settimana in Puglia

La scelta dell’itinerario di viaggio è sempre molto soggettiva. Durante la nostra settimana in Puglia abbiamo deciso di dedicarci principalmente all’esplorazione della zona della Valle D’Itria e di includere Matera che, pur essendo una città della Basilicata, si trova molto vicino alla valle dei trulli.

Una settimana in Puglia, itinerario di viaggio:
Giorno 1 Bari
Giorno 2: Polignano e Monopoli
Giorno 3 Alberobello
Giorno 4 Locorotondo e Martina Franca
Giorno 5 Ostuni
Giorno 6 Matera
Giorno 7 Brindisi

Contiamo di tornare presto in Puglia per visitare la zona del Gargano e del Salento.

Dove atterrare e come muoversi in Puglia

La Puglia ha due aeroporti principali:
l’Aeroporto Internazionale Karol Wojtyla, a Bari
l’Aeroporto Papola Casale, noto come Aeroporto del Salento, a Brindisi.

La posizione di entrambi gli aeroporti è perfetta per visitare la Valle d’Itria. Scegliete in base alla città in cui decidete di soggiornare, le rotte esistenti a partire dalla vostra città e, ovviamente, i prezzi.
Noi siamo atterrati all’aeroporto di Brindisi e, appena arrivati, abbiamo ritirato l’automobile che avevamo precedentemente prenotato tramite Ryanair.

Il modo migliore per muoversi in Puglia è farlo con l’automobile, in modo da partire ogni giorno all’esplorazione di un nuovo pezzetto di regione basandosi esclusivamente sui propri ritmi e le proprie preferenze.

Cosa vedere in Puglia

Di tutto, letteralmente: spiagge paradisiache, agglomerati di trulli, anziane signore che preparano la pasta fresca, grotte carsiche, distese di ulivi, chiese bianche, masserie rurali e così tanto altro che fare una lista sarebbe difficile e riduttivo.

Una settimana in Puglia forse non basterà per vedere tutto, ma è senza dubbio un buon punto di partenza!

Cosa mangiare in Puglia

La Puglia è uno dei paradisi enogastronomici italiani.
Le orecchiette, al sugo o con cime di rapa, sono la punta di diamante di una cucina ricca e variegata che offre prelibatezze come i panzerotti, la polenta fritta, la focaccia con pomodorini e olive, il pane cotto a legna, riso patate e cozze, taralli, pasticciotti, bombette di carne, friselle e pesce fresco.

Foccaccia Barese del panificio Fiore
Orecchiette pugliesi con sugo e stracciatella

Una settimana in Puglia ad ottobre: perché andare in Puglia ad Autunno

È risaputo che, durante il periodo estivo, la Puglia sia presa d’assalto da folle e folle di turisti, sia italiani che stranieri. Sono pieni i social di foto che ritraggono distese di persone ammassate nei luoghi più iconici, come Polignano a Mare o le spiagge del Salento.

Ma la Puglia non è una meta esclusivamente estiva.
Si tratta di un angolo d’Italia in grado di offrire molto anche durante le altre stagioni dell’anno, come l’autunno, il periodo che preferisco per viaggiare e il periodo in cui le spiagge e le città si svuotano per mostrare la propria vera essenza.

Per non parlare del fatto che, in autunno, le temperature siano decisamente più clementi!

Quanto costa una settimana in Puglia

Non solo la scelta dell’itinerario, ma anche il costo di un viaggio è molto soggettivo ed è spesso impossibile dare una risposta univoca che valga per tutti. Premesso questo, mi sento però di affermare che la Puglia sia una meta economica. Tolto il prezzo del volo, che può variare in base alla stagione in cui si decide di partire, e l’eventuale affitto di una macchina, quello che resta sono l’alloggio e il cibo.

Viaggiare in bassa stagione consente sicuramente di risparmiare sia sul prezzo del volo che su quello dell’alloggio. Una ragione in più per volare in Puglia durante i mesi autunnali.

Per quanto riguarda il cibo è possibile rientrare nei limiti di un basso budget, scegliendo di soggiornare in abitazioni con cucina, in modo tale da fare la spesa al supermercato e cucinare direttamente nel proprio alloggio.
Il prezzo di pezzi di street food, come focacce e panzerotti, oscilla tra 1,50 e 2 euro, in pizzeria si spende intorno ai quindici euro a testa, mentre nei ristoranti, soprattutto quelli a base di pesce, i prezzi aumentano leggermente, ma si può mangiare anche con 20 euro a testa in moltissimi ristoranti.

Dormire in un trullo in Puglia

Dormire in un trullo in Puglia

Per molto tempo, nella lista delle esperienze che vorrei vivere in giro per il mondo, c’è stata quella di dormire in un trullo. Finalmente quest’anno ho realizzato questo sogno.

Come molti sapranno, i trulli sono costruzioni tradizionali in pietra a forma conica. Sebbene esistano teorie più o meno accertate circa la loro creazione e diffusione, intorno alla storia dei trulli aleggia un mix di fascino e mistero che, probabilmente, ha contribuito a rendere queste costruzioni simbolo della Puglia agli occhi del mondo intero.

Dichiarati patrimonio UNESCO dell’umanità nel 1996, i trulli sono diffusi nella zona centrale della Puglia, la Valle d’Itria. La maggior parte dei trulli presenti in Valle d’Itria si trova ad Alberobello e Locorotondo e molti di loro sono stati adibiti a B&B ed alloggi con finalità turistiche.

Noi abbiamo scelto di dormire in un trullo a Locorotondo e vi consigliamo di fare lo stesso.
A soli sei minuti di auto da Locorotondo si trovano tantissimi trulli, immersi nel verde degli uliveti, in cui poter soggiornare.
Facendo base a Locorotondo si possono facilmente raggiungere tutte le destinazioni incluse nell’itinerario stilato all’inizio dell’articolo.

E voi siete mai stati in Puglia? Quale altra informazione vorreste ricevere per organzzare il vostro viaggio?

Idee per viaggi in Italia

post a comment